L’Università di Catania comunica le sue scelte per il “via libera” delle mascherine anti Covid (I DETTAGLI)

L’Università di Catania comunica le sue scelte per il “via libera” delle mascherine anti Covid (I DETTAGLI)

Esclusi alcuni luoghi in cui vige anche l’osservanza di questa norma, le mascherine utilizzate per contrastare il Covid non saranno più necessarie. Il via libera giunge in concomitanza dell’entrata del mese di maggio e del periodo estivo. L’Università degli Studi di Catania ha deciso di allinearsi al Decreto Legge n. 24 del 24 marzo 2022 con qualche specifica e obbligo in particolare.

L’Università di Catania comunica le sue “Indicazioni sull’utilizzo dei dispositivi individuali di protezione delle vie respiratorie” in seguito alla circolare del Ministro per la Pubblica Amministrazione numero 1 del 29 aprile 2022.

L’università catanese decide di mantenere le mascherine protettive anti Covid e nello specifico anche le FFP2. Il comunicato apre con la spiegazione della decisione: «Considerato che la predetta circolare prevede che le Amministrazioni debbano impartire “tempestivamente le necessarie indicazioni di carattere generale sull’utilizzo dei dispositivi individuali di protezione delle vie respiratorie tenendo conto delle concrete condizioni dei luoghi di lavoro e delle modalità di svolgimento della prestazione lavorativa dei propri dipendenti”; Considerata l’attuale evoluzione del quadro epidemiologico regionale e nazionale».

L’ateneo catanese rende obbligatorie le mascherine anti Covid nei seguenti luoghi: nelle aule e nei laboratori, durante l’erogazione delle attività didattiche, nelle aule studio e sale lettura. Inoltre, L’UniCT impone obbligatoriamente l’uso delle mascherine FFP2 durante lo svolgimento di convegni, seminari ed eventi assimilabili.

Riguardo le mascherine FFP2, la nota dell’ateneo specifica che, pur non essendo strettamente obbligatorio, è fortemente raccomandato l’uso dei dispositivi di protezione citati nei seguenti luoghi e attività: negli uffici, laddove vi sia la compresenza di più lavoratori e in particolar modo per il personale che condivide l’ufficio con personale così detto “fragile”; per tutte le attività di front office e di contatto con il pubblico, laddove non siano previste altre idonee barriere protettive; nel corso di riunioni in presenza; negli ascensori; in tutti quei casi in cui si vengano a creare situazioni di affollamento e non sia possibile garantire una congrua distanza interpersonale. Le indicazioni dell’Università di Catania rimangono in vigore fino al 15 giugno 2022 ovvero fino all’emanazione di nuove disposizioni.

Rispondi