Misterbianco: il Comune richiede all’ASP di Catania d’ospitare un centro di vaccinazione anti Covid

Misterbianco: il Comune richiede all’ASP di Catania d’ospitare un centro di vaccinazione anti Covid

Attualmente il Comune di Misterbianco è guidato da un’Amministrazione straordinaria che ha inviato alla direzione dell’ASP Catania ed al suo direttore generale e direttore sanitario una richiesta per valutare l’opportunità di istituire sul proprio territorio comunale un centro di vaccinazione anti Covid-19 mettendo a disposizione una propria struttura individuata nel laboratorio di città “Nelson Mandela”.

Sarebbe un’alternativa all’attuale protocollo che spesso vede i cittadini di Misterbianco in difficoltà quando arriva la chiamata al vaccino. Nella nota è spiegato sinteticamente perché il locale scelto sarebbe funzionale alla richiesta: «L’immobile individuato è facilmente raggiungibile con i servizi di trasporto pubblico locali ed unisce i requisiti tecnico-sanitari di comfort e di accoglienza dei cittadini che intendono partecipare alla campagna vaccinale».

Il laboratorio di città dispone di una superficie esterna abbastanza ampia da poter creare percorsi differenziati per utenti e operatori sanitari e all’interno ambienti ove poter allestire le postazioni sanitarie, le sale di attesa e di osservazione, oltre a disporre già di adeguati servizi igienici. La Commissione straordinaria aggiunge: «La previsione di un ulteriore centro territoriale di vaccinazione costituirebbe per questo distretto sanitario, uno strumento oltremodo essenziale che consentirebbe la vaccinazione a tutti quei soggetti che, per diversi motivi, non possono raggiungere la struttura di Catania e, quindi, di alleggerire le attività allo stesso riconducibili, mantenendo elevati gli standard di somministrazione».

Posizionare un centro vaccinale a Misterbianco porterebbe sia al potenziamento dell’attuale rete delle postazioni vaccinali ma soprattutto facilitare il coinvolgimento dei residenti anche dei comuni limitrofi come Motta Santa Anastasia, San Pietro Clarenza e Camporotondo Etneo.

Rispondi