Riposto: apertura del nuovo asilo nido comunale, un servizio indispensabile per le famiglie

A cura di Redazione

Da lunedì 2 ottobre il servizio di asilo nido comunale a Riposto sarà attivo presso la scuola Galileo Galilei. Saranno accolti una trentina di bambini dai 18 ai 36 mesi. Un servizio fondamentale per conciliare vita e lavoro delle famiglie. Condividi la notizia su Facebook, Twitter, Whatsapp, Telegram e LinkedIn.

Il Comune di Riposto ha annunciato che a partire da lunedì 2 ottobre sarà attivo il servizio di asilo nido comunale. Quest’anno, a causa dei lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza dell’edificio di via Pio La Torre, l’asilo nido verrà temporaneamente ospitato all’interno della scuola Galileo Galilei. Saranno una trentina i piccoli iscritti, con un’età compresa tra i 18 e i 36 mesi, che frequenteranno la struttura.

Il sindaco di Riposto, Davide Vasta, ha dichiarato che molte mamme si erano preoccupate per la riapertura dell’asilo nido comunale e ha voluto rassicurare tutte le famiglie. L’asilo aprirà lunedì mattina e il servizio di refezione sarà disponibile a partire dal giorno successivo, martedì 3 ottobre. Il sindaco ha ringraziato i dipendenti comunali e l’assessore Elisa Torrisi per l’impegno profuso.

Secondo il sindaco, l’asilo nido rappresenta un servizio irrinunciabile per il Comune di Riposto, in quanto offre un supporto fondamentale alle famiglie che necessitano di conciliare vita e lavoro. Vasta ha concluso affermando che l’obiettivo dell’amministrazione comunale è non solo garantire il servizio, ma anche migliorarlo.

Condividi su:
– Facebook
– Twitter
– Whatsapp
– Telegram
– LinkedIn

In conclusione, il Comune di Riposto ha annunciato l’apertura del servizio di asilo nido comunale a partire dal 2 ottobre. Nonostante i lavori in corso nell’edificio principale, l’asilo verrà temporaneamente ospitato presso la scuola Galileo Galilei. Il sindaco ha sottolineato l’importanza di questo servizio per le famiglie e ha assicurato che l’amministrazione comunale continuerà a garantirlo e a lavorare per migliorarlo.

Ti è piaciuto questo articolo? Seguici...

via Newsletter

Niente spam, solo notizie da IFDC!
Proseguendo accetti la privacy policy.