Aumento dei donatori d’organi dal 2020: giunti a quota dieci con gli ultimi due prelievi multiorgano

Aumento dei donatori d’organi dal 2020: giunti a quota dieci con gli ultimi due prelievi multiorgano

Quasi alla fine del 2021 sono stati effettuati gli ultimi due prelievi multiorgano, chiudendo un anno record e in aumento rispetto al 2020. Le due donazioni di organo si sono registrate all’Ospedale Cannizzaro, segnando il bilancio di un anno straordinariamente positivo nelle attività di prelievo.

L’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione ha gestito i due prelievi multi organo con équipe specializzate: in un caso di fegato e cornee, nell’altro anche dei reni. In entrambi i casi, sono stati i familiari dei pazienti, deceduti a seguito di emorragia cerebrale spontanea, ad esprimere il consenso.

Nel 2021 è stata così raggiunta la quota di 10 donatori, di cui 9 multi organo, su un totale di 13 osservazioni (solo 3 le opposizioni): l’Ospedale Cannizzaro si conferma così la prima struttura a Catania e tra le prime in Sicilia per numero di segnalazioni in questo anno.

Il dato è particolarmente significativo se confrontato con il 2020, quando a livello nazionale e regionale la donazione di organi era crollata e al Cannizzaro, nello specifico, erano state svolte 7 osservazioni con due prelievi eseguiti.

Il dott. Salvatore Giuffrida, direttore generale dell’Azienda Cannizzaro, ha dichiarato: «Il prelievo di organi è un’attività complessa e delicata che si fonda, oltre che sul lavoro dei sanitari, su un presupposto essenziale: la donazione, un gesto di massima solidarietà che passa dalla fiducia nel servizio sanitario e che il più delle volte sono i familiari a compiere. In un clima di festa, rivolgo a loro e ai donatori che non sono più tra noi il ringraziamento di tutti, anche a nome di chi quegli organi ha ricevuto. Con l’approssimarsi del Natale, il pensiero della nascita diventa possibilità di rinascita offerta a chi ritrova migliore qualità di vita e in qualche caso anche nuova vita. Nel ringraziare il personale sanitario e tutti gli operatori della rete confidiamo in una crescita ulteriore della cultura della donazione».

Rispondi