Controllo straordinario del territorio da parte del Commissariato di Acireale (I FATTI)

Controllo straordinario del territorio da parte del Commissariato di Acireale (I FATTI)

Nell’ambito del modulo operativo denominato Trinacria, che sarà riproposto nelle prossime settimane, il personale della Polizia di Stato, appartenente al Commissariato di Acireale e al Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale, ha dato luogo a numerosi e diversificati servizi straordinari di controllo del comprensorio territoriale acese, privilegiando la prevenzione e repressione di reati in genere, delle violazioni al Codice della Strada e degli altri fenomeni d’illegalità evidenti.

In questi servizi sono stati impiegati due equipaggi automontati del Commissariato d’Acireale e due pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale. Nello specifico sono stati istituiti posti di controllo in: piazza Indirizzo, piazza Dante, piazza Agostino Pennisi e via Cristoforo Colombo. Inoltre sono stati effettuati anche controlli in forma itinerante.

Sono state controllate 36 persone, 25 i veicoli ed elevate 8 contravvenzioni al Codice della Strada: 1 per mancata copertura assicurativa per la responsabilità civile, 1 per la mancata revisione, 4 per l’uso di cellulare durante la guida, 1 per mancata esibizione di documenti al controllo e 1 veicolo con targa autocostruita. Per queste violazioni si è proceduto a un fermo amministrativo e un sequestro amministrativo di veicoli per la mancanza dell’assicurazione obbligatoria.

Tra le violazioni al Codice della Strada più pericolose ed abitudinarie è stata segnalata l’irresponsabile pratica d’adoperare lo smartphone mentre si è alla guida, addirittura utilizzando la videoscrittura, sottovalutando la pericolosità di una tale condotta distratta e le possibili sciagurate conseguenze.

Complessivamente, per i verbali di contravvenzione CdS sono state contestate infrazioni per un controvalore pari a 4.000 euro. Infine, durante il servizio, si è proceduto al controllo di 8 soggetti sottoposti ad arresti e detenzione domiciliare.

Rispondi