Il Garante blocca la Regione Siciliana sull’obbligo del Green Pass (I DETTAGLI)

Il Garante blocca la Regione Siciliana sull’obbligo del Green Pass (I DETTAGLI)

Per conoscere l’esito finale dell’ordinanza bisognerà attendere che il Garante per la protezione dei dati personale si pronunci definitivamente, in seguito all’avvio dell’interlocuzione tra quest’ultimo e il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Attualmente è sospeso l’obbligo del Green Pass per accedere agli uffici comunali.

Era forse la parte più controversa dell’ordinanza firmata pochi giorni addietro dal governatore siciliano, poiché il divieto sfociava in diverse tematiche, in primis l’impossibilità di alcuni cittadini di poter fruire dei servizi pubblici per svariate ragioni (difficoltà economiche, tecnologiche o d’età). Il presidente Musumeci sospende l’art.5 dell’ordinanza n. 84 del 13 agosto riguardante proprio le modalità d’accesso agli uffici pubblici.

L’obbligo del Green Pass per “l’accesso dell’utenza agli uffici pubblici e a tutti gli edifici aperti al pubblico” sarà sospeso sino al compimento dell’iter tra Regione Siciliana e Garante. Il provvedimento è stato adottato dal Capo della Protezione civile regionale Salvo Cocina, preposto del soggetto attuatore per l’emergenza Covid.

La nota della Regione Siciliana specifica: «Tale provvedimento s’inserisce in un più ampio novero di chiarimenti sulla medesima disposizione che costituiranno l’oggetto delle “indicazioni” richieste in merito dal Garante. I principali chiarimenti contenuti nella circolare del dipartimento regionale della Protezione civile riguardano, in particolare, l’esclusione degli uffici giudiziari e degli uffici di Pubblica sicurezza e l’effettiva disponibilità dei servizi telematici da parte dei soggetti erogatori, in mancanza della quale resta ferma la modalità tradizionale».

Rispondi