Sant’Agata: Arcivescovo Gristina e Sindaco Pogliese renderanno omaggio negli ospedali catanesi

Sant’Agata: Arcivescovo Gristina e Sindaco Pogliese renderanno omaggio negli ospedali catanesi

Pur perdendo la processione, l’essenza delle celebrazioni agatine rimane. In seguito alla consegna della Candelora d’oro in data odierna, il Sindaco di Catania Salvo Pogliese e l’Arcivescovo metropolita Salvatore Gristina saranno nuovamente assieme per un importante messaggio solidale. Domani i due si recheranno presso diversi ospedali catanesi per omaggiare l’intero personale tuttora impegnato in prima linea contro il Covid-19.

Agli albori del profilarsi dello “sconosciuto” Coronavirus nessuno sapeva bene come comportarsi ed agire, Sanità inclusa. Gli ospedali e l’intero personale che vi ruota attorno ha rischiato in prima linea (ma soprattutto visto) gli spiacevoli effetti del Covid. La situazione adesso è mediamente stabile negli ospedali, dopo diversi mesi in cui la crisi sanitaria è stata fortemente presente.

Tutto il mondo ha riconosciuto lo sforzo e l’impegno costante degli ospedalieri durante l’emergenza epidemiologica. A Catania in un anno complicato, che tuttora continua, la Festa di Sant’Agata ha mutato il suo calendario ma non la sua essenza. Per questo motivo domani mercoledì 3 febbraio il Sindaco di Catania Salvo Pogliese e l’Arcivescovo metropolita Salvatore Gristina si recheranno negli ospedali cittadini a rendere omaggio al personale medico e paramedico, agli operatori socio sanitari e i volontari.

Il tour ospedaliero comincerà alle ore 9 in cui le due figure istituzionali si receranno all’ospedale Cannizzaro, proseguirà alle ore 10 nel vecchio plesso dell’ospedale Garibaldi di piazza Santa Maria di Gesù e terminerà alle ore 11 con la visita all’ospedale San Marco di Librino. Domani non uscirà la Carrozza del Senato ma in compenso le celebrazioni agatine continueranno in altra modalità.

Il primo cittadino commenta: «Ci è sembrata una scelta opportuna e doverosa nei giorni della ricorrenza Agatina un segno di tangibile vicinanza, incoraggiamento e ringraziamento a nome dell’intera cittadinanza, a quanti si prodigano altruisticamente nel generoso impegno nell’assistenza dei pazienti, per alleviare le sofferenze di questa terribile epidemia. I medici coi loro collaboratori sono gli eroi in questa emergenza sanitaria».

Fonte foto: La Sicilia

Rispondi