Ospedale Cannizzaro: nuovo avanzato microscopio per ricostruire la mammella con lembi dell’addome

Ospedale Cannizzaro: nuovo avanzato microscopio per ricostruire la mammella con lembi dell’addome

L’Azienda Ospedaliera Cannizzaro si è dotata di un avanzato microscopio per la chirurgia senologica. Il nuovo strumento permetterà la ricostruzione autologa della mammella mediante lembi microchirurgici: in alcune pazienti selezionate affette da tumore al seno, trattate con mastectomia, la mammella mancante può essere ricostruita attraverso l’impianto di cute e sottocute prelevate dall’addome.

Il nuovo microscopio è molto sofisticato, a regolazione elettromagnetica e sarà in funzione nel Gruppo Operatorio II. I chirurghi potranno lavorare con assoluta precisione attraverso i movimenti micrometrici del joystick. Il direttore generale dell’Azienda Cannizzaro, il dott. Salvatore Giuffrida, ne spiega i benefici: «Il microscopio operatorio di nuova acquisizione trova applicazione nelle tecniche chirurgiche di alta definizione, consentendo alle pazienti una completa e rapida ripresa delle proprie condizioni di salute ed evitando la protesizzazione»./p>

La metodica è denominata DIEP (Deep Inferior Epigastric Perforator) ed è effettuata in pochi centri in Italia poiché serve una lunga esperienza acquisita nelle strutture di riferimento in Europa per la ricostruzione autologa. La possibilità per l’Ospedale Cannizzaro di aggiungersi alla ristretta lista è stata resa possibile dalla collaborazione tra i chirurghi plastici dell’UOC Grandi Ustioni diretta dal dott. Rosario Ranno e l’UOC di Senologia diretta dalla dott.ssa Francesca Catalano. Inoltre il dott. Giuseppe Lombardo ha messo a disposizione la sua competenza maturata in anni di specifica attività.

L’obiettivo posto dagli operatori dell’Ospedale Cannizzaro è d’effettuare almeno 20 procedure DIEP all’anno. I primi interventi sono già programmati ma è possibile richiedere ulteriori informazioni contattando telefonicamente la Senologia dell’ospedale (Centro di riferimento e struttura capofila con funzioni di coordinamento e raccordo della rete regionale delle breast unit).

Rispondi